giovedì 12 giugno 2014

Che cosa stai dimenticando di prendere in considerazione?


In un mondo scandaloso, perché pieno di scandali, non ci si scandalizza più per niente. 
O meglio, qualcosa avviene allorquando si sentono certe notizie, tuttavia, ciò che accade “subito dopo” è paragonabile a qualcosa che "scivola via", interiormente, con la facilità favorita da un gentile declivio, infrastrutturale, di un corso d’acqua o di un intera rete di canali irrigatori e navigabili (qualcosa che si avvera solo ed esclusivamente all'interno di un "reame incantato"; (Di)pendenza).
“Lasciate che vi dica brevemente quello che ho fatto. Ho lavorato presso la speciale base aerea militare di Oberpfaffenhofen dove installavo i dispositivi di irrorazione sugli aerei che servono per spruzzare sostanze tossiche nel cielo”…
Link
La grande rete lombardo/piemontese per lo scorrimento specifico delle acque, intessuta nel corso di circa dieci secoli per mezzo dell’ingegno e della progettazione, è qualcosa di assolutamente dominata dallo studio centrale relativo alle "pendenze"

Poca “differenza di potenziale”, tra l’inizio e la fine dell’opera idrica, permette all’acqua di poter scorrere, con senso, all’interno della logica intenzionale irrigatoria e... funzionale alla possibilità di maturare raccolto ed interesse (da cui la Massa trae l’idea convenzionale a proposito della propria “evoluzione”).
La storia di tutti i tempi prova che nessun popolo può raggiungere un alto grado di intelligenza e di moralità senza che il sentimento della sua nazionalità sia fortemente sviluppato:
in un popolo che non può essere fiero della sua nazionalità il sentimento della dignità personale esisterà solo eccezionalmente in alcuni individui privilegiati.
Le classi numerose che occupano le posizioni più umili della sfera sociale hanno bisogno di sentirsi grandi dal punto di vista nazionale per acquistare la coscienza della propria dignità…
Camillo Benso, conte di Cavour
Di quale storia si sta "facendo uso"?



La "grande rete idrica" sorretta dalla pendenza (in rappresentanza dell’intento superiore che la sottintende, inserito nel contesto in qualità di riflesso frattale relativo alla “differenza di altezza funzionale e progressiva tra tutti i suoi punti”) diventa motivo di vanto per una regione e per la Nazione intera.
Da qua… la Massa sviluppa, dunque, anche l’idea di “nazionalità”, ossia, di quell’illusorio stato di appartenenza che "sta bene alla persona" perché migliorativo della propria situazione apparente. Qualcosa che innalza il tenore di Vita sociale ad un livello di percettibile soddisfazione, a prescindere da tutto quello che accade al di fuori dei confini dello Stato.
Ciò che avviene attraverso il proprio "consenso" è, quindi, l’accettare di (ri)nchiudersi dentro a qualcosa di assolutamente virtuale, tracciato su di una mappa che soddisfa gli appetiti dei vari potentati, diversi dal punto sostanziale della Massa ivi raccolta.
Questa ulteriore “differenza di potenziale” tra potenti ed abitanti, permette lo scorrimento di "un senso nel senso" in qualsiasi ambito del costrutto, solo all’apparenza, sociale. Gli interessi di parte, essendo inseriti alla base/fondamenta della società, ne caratterizzano per intero il percorso, che si snoda da e in qualsiasi ambito dell’amministrazione.

Analisi clinometrica effettuata sul territorio con la rappresentazione di tutte le maglie del reticolo caratterizzate da una pendenza superiore al 10% (per problemi connessi essenzialmente con la realizzazione di reti di trasmissione)... Link
Dal punto di vista “annacquato”, caratterizzante l’orizzonte del contenuto, diventa molto difficile nel Tempo e nell’abitudine (1) accorgersi della differenza di potenziale impressa alla base (2) ricavare la concretezza del poter ancora fare qualcosa di veramente “nuovo/diverso”, all’interno di sponde artificiali per tutto e tutti.
In pratica, qualsiasi tua iniziativa, d’ogni tipo e circostanza, è come anestetizzata e disinnescata all’origine, preventivamente, strutturalmente… a livello di “Dna”.
L’acqua è centrale per quanto riguarda il sopravvivere, ma… che cosa “trasporta” oltre a se stessa/insieme a se stessa?
Un corso d’acqua è strumentalizzabile, flessibile nel superare gli ostacoli che si infrappongono all’intento che lo muove:
la botte a sifone (o tomba a sifone o ancora, più semplicemente, botte o sifone) è, in idraulica, un manufatto solitamente costituito da due pozzetti in calcestruzzo collegati da un condotto in leggera pendenza, mediante il quale si fa passare un canale o un corso d’acqua sotto una strada, una ferrovia, attraverso una collina o anche sotto un altro corso d’acqua.
Il canale o corso d’acqua quindi scende sotto terra, passa sotto l'ostacolo, per poi riemergere in superficie, transitando là dove non potrebbe farlo al livello della superficie del terreno per via dell'ostacolo.
Esempi notevoli in Italia di questo tipo di manufatto sono il sottopasso di alcuni importanti corsi d'acqua dell'alta pianura padana come l'Elvo, il Sesia o l'Agogna effettuato dal Canale Cavour. Altro esempio ottocentesco è quello del canale scolmatore del Lago di Bientina, ora prosciugato, che sottopassa l'Arno.
Link
Nella parte sotterranea del tragitto, necessaria al fine di superare una difficoltà esterna, avviene l’opera di alta tecnologia relativa all’insabbiamento di tutto ciò che può ad ogni livello dare fastidio
Ciò che “gira sotto” corrisponde frattalmente, ad esempio, al cavillo che trova spazio ad hoc all’interno della legge, al fine di permettere strutturalmente ai potentati di poter sfuggire a ciò che, in linea teorica e necessaria per l’illusione collettiva, è stata opportunamente progettata sempre all’interno di un’area di assegnamento amministrativo.
In un simile contesto, la “coperta è sempre troppo corta”

Una strategia altamente provvidenziale dal punto di vista del potere che controlla. Da qua si apre la via per il “ricatto sottile” (ciò che ad esempio, al proprio livello, la Fiat ha sempre messo in atto in oltre cento anni di storia a carico dello Stato e, dunque, della Massa).

Ecco un altro esempio, molto più aperto ed internazionale.

F-35, il Pentagono avverte l’Italia: “Meno aerei significano meno posti di lavoro”.
Meno aerei significano meno posti di lavoro”. Questo è il messaggio che Derek Chollet, segretario aggiunto per gli Affari della sicurezza internazionale presso il Pentagono, lancia all’Italia durante una conferenza in corso a Roma. “Siamo consapevoli del dibattito in corso”, dice Chollet, e “comprendiamo le difficoltà” legate alle ristrettezze di bilancio.
Tuttavia, prosegue l’esponente del Pentagono sottolineando l’importanza strategica per le capacità militari future degli Stati Uniti e dei loro alleati dei nuovi caccia F-35, “quando l’Italia ha diminuito il piano originale di acquisizione da 131 aerei a 90, si sono visti gli effetti negativi che possono verificarsi quando le acquisizioni diminuiscono e, purtroppo, c’è stato un decremento nella partecipazione industriale dell’Italia e nei posti di lavoro associati con gli F-35”…
Link  
Ok? Abbiamo visto anche ieri come gli Stati Uniti abbiano strumentalizzato anche il secondo conflitto mondiale, riuscendo a trarre un grande vantaggio/interesse dallo svolgimento delle operazione belliche e dal pre e post guerra : eco che continua ancora oggi.
Alla fine, tutto (ri)entra, nei perimetri (pre)assegnati dal controllo (ai vari livelli gerarchici del controllo). Un controllo che si svolge sotto al più grande influsso possibile, in Terra 3d, quello del Nucleo Primo, che ha convinto/creato una rete di amministrazione della Massa Planetaria, per via di una distribuzione illusoria di parte del “potere”, sfruttando le caratteristiche più marcate di parte degli individui, raccolti in “famiglie” in grado di essere investite del compito (in)diretto di "amministrare le parti di terre assegnate", inerenti all’impero unico del Nucleo Primo.
Ossia… la storia deviata, che continui a studiare solo da un certo punto di vista, ti illude e seduce attraverso il proprio manto di ineluttabile portata, all’apparenza, senza possibilità altra ed alcuna di poter essere, a sua volta, (ri)deviata.
Infatti… la corda concessa del "libero arbitrio" ha una lunghezza ben precisa e decisa a livello superiore rispetto al tuo (lunghezza del guinzaglio).
Al fine di garantire il sufficiente “stato di tensione”, tu hai la possibilità di “dare fastidio” sino ad un certo punto, raggiunto il quale hai davanti a te (usualmente) solo poche possibilità classificabili in due grandi famiglia:
  • ti uccidi
o
  • ti (ri)converti a (ri)tornare quello di prima.
Infatti, a prescindere dalla gravità del tuo problema, nel Tempo tutto (ri)entra:
revocato sciopero metro a San Paolo giorno avvio Mondiali.
I dipendenti della metro di San Paolo hanno votato ieri sera a favore di una sospensione dello sciopero per oggi, giorno di inizio dei Mondiali di Calcio, garantendo così il normale afflusso dei tifosi per la partita inaugurale della Coppa del Mondo nella capitale economica brasiliana.
La protesta era durata cinque giorni e aveva seminato il caos in questa megalopoli di 20 milioni di abitanti…
Link
L’interesse che scorre "al di sotto" del tuo problema è troppo "alto" per permettere che la lunghezza del tuo "guinzaglio" possa veramente interagire con il "destino", mutandolo in funzione della tua sfera.

I “consigli” che ti vengono dati, costituiscono la facciata pubblica di un potere che ti (pre)vede in una funzione di eterna dipendenza, smarrimento ed incapacità nell’auto controllo.

Alimenti, da ministero Salute decalogo per leggere bene etichette.
L’etichetta è la carta d’identità dell’alimento: 
riporta informazioni sul contenuto nutrizionale del prodotto e fornisce una serie di indicazioni per comprendere come i diversi alimenti concorrono a una dieta corretta ed equilibrata. Ecco il decalogo del ministero della Salute per orientarsi fra gli scaffali del supermercato ed evitare sorprese indesiderate a tavola.
  1. leggi scrupolosamente le etichette sulle confezioni. Più informazioni leggi, tanto migliore sarà il tuo giudizio su quel prodotto
  2. ricorda, le illustrazioni riportate sulle confezioni sono puramente indicative. Hanno lo scopo principale di richiamare la tua attenzione e non sono necessariamente legate all’aspetto reale del prodotto
  3. attenzione all’ordine degli ingredienti di un prodotto. Gli ingredienti sono indicati per ordine decrescente di quantità; il primo dell’elenco è più abbondante del secondo e così via
  4. consuma il prodotto entro la data di scadenza indicata in etichetta. Dopo la scadenza il prodotto può deperire rapidamente e non essere più sicuro per la tua salute
  5. non confondere la data di scadenza di un prodotto con il termine minimo di conservazione; se trovi sull’etichetta la dicitura "da consumarsi preferibilmente entro...", il prodotto, oltre la data riportata, può aver modificato alcune caratteristiche organolettiche come il sapore e l’odore ma può essere consumato senza rischi per la salute...
  6. controlla il peso netto/sgocciolato dell’alimento. Spesso possiamo essere tratti in inganno dalle dimensioni delle confezioni
  7. se soffri di allergie alimentari controlla sempre nell’elenco degli ingredienti la presenza di eventuali allergeni. La lista degli allergeni viene periodicamente aggiornata alla luce delle conoscenze scientifiche più recenti
  8. mantieni sempre i prodotti refrigerati e quelli surgelati alla temperatura indicata sull’etichetta e riponili, subito dopo l’acquisto, nel frigorifero o nel congelatore. Ricorda che il freddo non uccide i batteri anche se ne rallenta o ne impedisce temporaneamente la crescita
  9. se compri pesce in pescheria controlla i cartelli esposti. Accanto al pesce fresco si può vendere anche pesce decongelato, il venditore è tenuto ad esporre le indicazioni obbligatorie, tra cui quelle sulla provenienza
  10. a parità di qualità e prezzo preferisci gli alimenti confezionati con materiale riciclato/riciclabile; leggi bene le indicazioni sul materiale utilizzato per il confezionamento o l’imballaggio (AL alluminio, CA cartone, ACC acciaio, ecc.), darai una mano alla salvaguardia dell’ambiente.
Sono dieci regole… come i famosi “comandamenti”, che agiscono su base negativa, ossia, “imponendo” qualcosa anteponendo la particella “non” (strategia dell'effetto opposto)...
Queste ulteriori dieci regole, invece, si basano su una miscelazione di... “quello che vorresti sentire dire dal tuo tutore e quello che deve giungere sino a te per mantenerti sempre convinto nella tua parte di recitazione inconsapevole”.

L’etichetta attuale non tiene conto di molti preziosi dettagli, tipo, la presenza degli inquinanti, che determinano l’aggiunta e/o la diminuzione di effetti "altri"
Questo “delta” è un altro frattale di qualcosa che esiste ma che non viene (ri)levato e (ri)velato: il Nucleo Primo.
Il tuo “giudizio sul tal prodotto” (ri)sente di questa auto suggestione, raggiungendo il risultato che "non sei più tu a pensare ma qualcun altro per mezzo tuo".
Ricorda, le illustrazioni riportate sulle confezioni sono puramente indicative. Hanno lo scopo principale di richiamare la tua attenzione e non sono necessariamente legate all’aspetto reale del prodotto…
Apparenza legalizzata; come il gioco d’azzardo legalizzato o il “fumo di Stato” delle sigarette. Stato che “concede” con una mano e “cura” con l’altra, raccogliendo da entrambe le sponde/situazioni. Stato, dunque, che nella sua sostanza non può coincidere con te, diversamente da quanto scritto nella Costituzione Italiana, ad esempio.

Tu sei debitore ma mai anche creditore. 
Lo Stato intasca e disperde, attraverso complessi giri di artifizi contabili, che ti mantengono sempre distante dal fulcro della questione, in cui sei inquadrato in quantità di criceto che gira sulla/nella ruota ed in qualità di “pietanza sacrificale".
È considerabile un delitto sfruttare e, anche, uccidere degli esseri che sono eterni, anche se non lo (ri)cordano più?
Non è forse diabolico (dal punto prospettico del Nucleo Primo) essere consci di incarnare più funzioni (che nel loro complesso possono anche sfuggire) e di decidere di mettere a fuoco (sfruttare) una simile situazione?
Il processo storico deviato non è certamente in grado di innalzare il livello della consapevolezza Massiva, per cui lo “stand by” è la situazione più “naturale” che si viene a creare, vivendo in un modo tanto distorto rispetto al più autentico corso di scorrimento della “Più Grande Storia”.

L’artifizio ha raggiunto livelli fuori norma ma, sembra che il fondo scala dello strumento umano sia sempre (ri)toccabile e flessibile, oltre ad ogni immaginazione (taratura e riprogrammazione).
Italia; da produzione indicazioni per rimbalzo Pil nel secondo trimestre.
L'appello non cambia la sentenza di primo grado: 
il Pil italiano è risultato in contrazione nel primo trimestre dell'anno, ma segnali positivi per le prospettive economiche del paese sono arrivati dagli ultimi numeri sulla produzione industriale.
"I dati nel complesso sono moderatamente positivi" spiega l'economista di Citi Giada Giani. "Messi insieme significano che ci sarà un po' di rimbalzo nel secondo trimestre"…
 
La crescita del Pil della zona euro nel suo complesso è stata pari allo 0,2% su trimestre e allo 0,2% annuo, secondo i dati finali diffusi nei giorni scorsi da Eurostat

Link 
 
Indicazioni per rimbalzo Pil nel secondo trimestre (?)… ma davvero?

L’opinione pubblica è suggestionata in continuazione, in maniera tale da prepararla a quello che verrà:
a dare una scossa, potrebbero essere i nuovi parametri adottati (adottabili, sarebbe meglio dire) con il beneplacito dell’Unione europea e cioè quelli che prevedono anche l’inclusione dei proventi derivanti dal crimine e dalle attività illecite.
Quindi sì ai soldi stimati nelle casse di camorra e mafia, ai soldi fatti con la droga, con lo sfruttamento della prostituzione, i combattimenti clandestini e le corse di cavalli non controllate.
Insomma un sì generico che regala pari dignità sia all’industria che allo spaccio. In fondo anche questo è made in Italy. Ma non solo in Italy, infatti gli Usa, qualora volessero allinearsi, potrebbero sperare in un extra sul Pil del 3%.
Una volta assicuratisi numeri del genere si avrebbe il paradosso dei paradossi:
il blocco della lotta alla criminalità organizzata, perchè ramo produttivo dell’economia.
Inutile anche fare riforme sul lavoro, così come inutile tentare di rendere più appetibile il nostro Paese il quale da un 58% in meno di investimenti ricevuti da capitali stranieri, Dio solo sa dove finirebbe…
Veramente diabolico: non c’è che dire. Sei alle prese con una prova d’insieme, con una orchestrazione di tutto quello che pensi (sai) di essere, davvero sovrumana, per grado di coerenza e totalità.

Wow!
Per “scorrere”, l’impero 3d del Nucleo Primo necessita di una “pendenza strutturale”, in favore della propria trasmissione di segnale portante…
Fisco, Ue accende faro su regimi di favore a multinazionali
"Nel contesto attuale di ristrettezza dei bilanci pubblici - ha dichiarato Almunia - è particolarmente importante che le grandi multinazionali paghino la loro giusta quota di tasse". 

La Commissione dà la possibilità ai Paesi e alle autorità coinvolte di rispondere alle obiezioni avanzate da Bruxelles. Almunia ha criticato la pianificazione fiscale "aggressiva" delle multinazionali, che erode la base di imponibile nei vari Paesi, e ha sottolineato che l'indagine aperta dalla Commissione sarà l'occasione per uno sguardo più ampio sugli accordi in vigore in tutta l'Ue
L'Irlanda si è affrettata a rispondere ai rilievi della Commissione, dichiarando in una nota di essere "sicura" che "non c'è stata alcuna violazione delle regole sugli aiuti di Stato e per questo ci difenderemo sotto tutti gli aspetti vigorosamente".
Almunia ha voluto chiarire che a finire sotto la lente dell'antitrust non sono i regimi fiscali dei singoli Paesi, ma alcune pratiche come il "transfer pricing", che permette a un'azienda di caricare parte dell'imponibile delle sue operazioni su beni o servizi da uno Stato a un altro, al fine di spostare i profitti a seconda della convenienza
Per il commissario questo meccanismo è ammesso soltanto se i prezzi che una società addebita alle sue controllate sono conformi ai tassi stabiliti dal mercato.
Link  
La gerarchia, la divisione sociale, le differenze, etc. così come le multinazionali, servono affinché l’intento del Nucleo Primo possa scorrere entro l’intera rete delle infrastrutture, nelle quali sei “assegnato”.

Il cavillo è sempre presente proprio per questo motivo:
per il commissario questo meccanismo è ammesso soltanto se i prezzi che una società addebita alle sue controllate sono conformi ai tassi stabiliti dal mercato…
E chi lo decide/sancisce se “i prezzi che una società addebita alle sue controllate sono conformi ai tassi stabiliti dal mercato”?
He. He. He…
Furbacchioni che approfittano dello stato di “alcoolizzazione” sociale, certamente non casualmente diffuso.
Lontano da te avvengono cose “d’altri Tempi”. Fatti che ignori? Naa. Fatti che “sai” ma che non ti interessano più di tanto, perché appunto “lontani da te” e (ri)feriti in maniera intimidatoria dai Tg.
Ergo, sei portato a pensare “meglio a loro che a me”

Per questo continui ad alimentare il “tuo” attuale livello di partecipazione sociale, economico, lavorativo e d’intrattenimento. Muoverti attivamente verso coloro che stanno male, per poter piallare quella "differenza di potenziale" grazie alla quale l’(Anti)Sistema può scorrere… ti fa “troppo male”.
Meglio astenersi ed impegnare il Tempo a fare altro.
Bahrain: le violenze dei diritti umani che il mondo “non vede”.
In un rapporto pubblicato giovedì dal titolo “Bahrain: Repressione – The Shadow of Tyranny”, l’associazione islamica Al-Wefaq ha elencato le violazioni dei diritti umani commesse dal regime di Manama, nel corso del 2013.
Secondo il rapporto di quasi 130 pagine, le forze del regime del Bahrain hanno arrestato lo scorso anno 214 bambini, la maggior parte dei quali arrestati durante le incursioni nelle loro abitazioni, mentre altri bambini sono stati prelevati direttamente a scuola, aggiunge il rapporto.

Il documento, elaborato da Al-Wefaq e dal Dipartimento Diritti Umani (Lhrd), ha inoltre evidenziato che il regime del Bahrein ha effettuato 7.342 arresti arbitrari tra il 2011 e il 2013, demolito diverse strutture religiose nel paese del Golfo Persico, e attuato rigide restrizioni sulla libertà religiosa.
“La situazione dei diritti umani in Bahrain ha raggiunto livelli pericolosi”, ha dichiarato Sayed Hadi al-Musawi, il capo di Lhrd, aggiungendo che:
“I cittadini del Bahrain sono esposti a diverse forme di violazioni tra cui uccisioni, torture e arresti”.
Il funzionario ha criticato fortemente anche la comunità internazionale che rimane in silenzio di fronte alle numerose violazioni dei diritti umani da parte del regime di Manama, affermando che il mondo “resta in piedi in disparte a guardare il perpetrarsi di atroci abusi alla luce del giorno”.

Negli ultimi anni, diverse associazioni internazionali per i diritti umani hanno condannato il regime di Manama per la sua violenta e sproporzionata repressione delle proteste pacifiche in tutto il paese del Golfo Persico.

Da metà febbraio 2011, migliaia di manifestanti anti-regime hanno tenuto numerose manifestazioni per le strade del Bahrain, per chiedere la cacciata della famiglia Al-Khalifa. In questi ultimi tre anni decine di persone sono state uccise, centinaia di altre ferite e migliaia arrestate dalle forze di sicurezza del regime di Manama.

Link  
  • da metà febbraio 2011, migliaia di manifestanti anti-regime hanno tenuto numerose manifestazioni per le strade del Bahrain, per chiedere la cacciata della famiglia Al-Khalifa
  • in questi ultimi tre anni decine di persone sono state uccise, centinaia di altre ferite e migliaia arrestate dalle forze di sicurezza del regime di Manama.
Ancora il “Modello Far West”.
Quale “sicurezza” difendono “le forze di…sicurezza”?
Lo fanno consciamente oppure solo perché sono pagate per farlo e/o perché “devono obbedire al codice militare”, altrimenti ne va della propria Vita? il ritornello non è mai cambiato. In "guerra" si combatte per sopravvivere… che altro?
E sino a quando regna la guerra… si sopravvive, dando luogo a quello che la scienza deviata (ri)leva in seguito, ossia, che esiste una “catena biologica alimentare”… come se fosse naturale, normale, etc.
Successione.
Carlo Magno, seguendo la tradizione franca, non riteneva né fattibile né opportuno tenere unito un regno così vasto, per questo aveva previsto la spartizione del regno tra i suoi figli maschi alcuni anni prima della morte…

Link
Nel Trattato di Verdun dell'843 i tre figli sopravvissuti di Ludovico il Pio divisero il suo territorio, l'Impero Carolingio, in tre regni.
Il figlio maggiore, Lotario I, aveva dichiarato guerra ai fratelli fin dalla morte del padre, avvenuta nell'840. Dopo la sua sconfitta nella battaglia di Fontenay, combattuta nell'841, e l'alleanza tra i suoi fratelli, sigillata nel Giuramento di Strasburgo, Lotario era disposto a negoziare.
Ognuno dei fratelli aveva già un suo regno - Lotario in Italia, Ludovico II il Germanico in Baviera e Carlo il Calvo in Aquitania. Lotario ricevette la parte centrale dell'impero - quella che in seguito divenne Paesi Bassi, Lorena, Alsazia, Borgogna, Provenza, e Italia - e a titolo onorifico anche il titolo imperiale, ma senza avere più che un comando nominale. Ludovico ricevette la parte orientale - gran parte di quella che divenne più tardi la Germania - sotto forma di Sacro Romano Impero. Carlo invece ricevette la porzione occidentale - gran parte della quale sarebbe divenuta la Francia - incluse anche l'Aquitania, Tolosa e la Settimania.
Anche se spesso viene presentato come la devoluzione o la dissoluzione dell'impero unitario di Carlo Magno, il trattato in effetti riflette la continua aderenza alla tradizione Franca di una eredità divisibile invece che di una che favoriva solo il primogenito
Link 
 
Attenzione:
Anche se spesso viene presentato come la devoluzione o la dissoluzione dell'impero unitario di Carlo Magno, il trattato in effetti riflette la continua aderenza alla tradizione Franca di una eredità divisibile invece che di una che favoriva solo il primogenito…
Ecco una traccia frattale centrale relativa alla (com)presenza del Nucleo Primo, il quale tende sempre a dividere i potentati e di conseguenza “le terre sub amministrate”.
Tutto si trasforma sotto all’insegna del Nucleo Primo… perché “funzionale al suo continuo scorrere”…
Il giovane (Camillo Benso, conte di Cavour) si dedicò ben presto, per interessi personali e per educazione familiare, alla causa del progresso europeo. 
Fra i suoi ispiratori fu il filosofo inglese Jeremy Bentham alle cui dottrine si accostò per la prima volta nel 1829. In quell'anno lesse il suo "Traité de législation civile et pénale", in cui si enunciava il principio politico “Misura del giusto e dell'ingiusto è soltanto la massima felicità del maggior numero”.
L'altro concetto di Bentham secondo cui ogni problema poteva ricondursi a fatti misurabili, forniva poi al realismo del giovane Cavour una base teorica utile alla sua inclinazione all'analisi matematica…
Link  
  • misura del giusto e dell'ingiusto è soltanto la massima felicità del maggior numero
  • ogni problema poteva ricondursi a fatti misurabili
  • forniva poi al realismo del giovane Cavour una base teorica utile alla sua inclinazione all'analisi matematica…
Il “controllo” è apportato in maniera molto sagace (effetto leva, scatole cinesi, etc.).
Ogni problema poteva ricondursi a fatti misurabili…
Vero e falso allo stesso Tempo, perché... (1) prova a misurare la presenza del Nucleo Primo se (2) non applichi l’Analogia Frattale.
Tuttavia, dei due punti, solo il primo permea le attuali 3d, per cui l’espressione precedente è “falsa”, venendo puntualmente “ignorato” il punto due (legge del minimo).
Nulla è mai cambiato, nella sostanza, dalla “notte dei Tempi”:
la legislazione babilonese ha svariati provvedimenti per tutto quel che riguarda la canalizzazione, dalle multe per furto di elevatori d'acqua alle indennità per abuso di acque, per negligente manutenzione delle chiuse a danno del vicino, ecc. …Link
La funzione di queste 3d (Anti)Sistemiche, impero del Nucleo Primo, dunque… esiste o non esiste?
È, esso, di impedimento oppure di invito alla propria conoscenza e maestria? 
Il fatto che il Mondo si (ri)conosca nella propria storia e che la storia sia deviata – perché scritta dai “vincitori” (ossia da coloro che “rimangono”)… indica che esista in “profondità” una funzione (in)diretta auto educatrice, che l’individuo ottiene e (ri)trova, paradossalmente, grazie al modello educativo (basato sulla mancanza) impartito a livello globale nelle/dalle 3d attuali, polarizzate dalla (com)presenza del Nucleo Primo; esso stesso, con tutta probabilità, un attore alla (ri)cerca di sé.
In “natura non si getta via nulla” e tutto ha uno scopo, un senso ed una funzione, inseriti in un insieme gerarchico che tende a coprire e a mantenere “segreto” il Cuore pulsante del senso della Creazione.
Tutto ciò ispira frattalmente SPS a credere che… le mancanze derivino dal fatto che “tutto ciò” descrive ed è inerente ad un ambiente interno… di un ambiente esterno, totalmente dimenticato/sconosciuto.

Pensaci bene (usa la tua capacità di “astrazione frattale”):
la mancanza (ri)partita nel tutto (in ogni cosa che conosci/fai/sei), indica centralmente che… “stai ignorando una parte del contesto nel quale sei auto installato”.
Fai tutto da solo, anche se non è così.

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...