Visualizzazione post con etichetta Decodifica dell'informazione.. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Decodifica dell'informazione.. Mostra tutti i post

venerdì 11 agosto 2017

Gli errori wireless procurati in leva.



Ci sono state delle “decisioni”, da parte di Hitler – nel corso della seconda guerra mondiale – che fecero la differenza, favorendo la propria sconfitta (qualcosa che “era già scritt3”, proprio nella modalità dell’organizzazione  - centrale - internazionale del circuito monetario speculativo e del conseguente scivolamento nel conflitto globale). 
A carte scoperte, “ora”, è infatti possibile ricavare, anche da te, che 1) il prima, 2) il durante e 3) il dopo (della guerra), costituirono un’unica grande sceneggiata (assolutamente veritiera, in termini di morti, distruzione e… preparazione alla ricostruzione), che portò alla sistematica “invasione alleata” del cuore dell’Europa, da parte delle due potenze “laterali”: 
Usa e Urss (che, nel frattempo, è stata smantellata – ancora una volta – favorendo lo smottamento attraverso il controllo dei flussi finanziari, provocando onde di crisi sempre più pressanti)
che divennero, dunque, "centralizzate".
Le “decisioni contrastanti” di Hitler come si relazionano in tutto ciò
Innanzitutto, “quali” decisioni? 

lunedì 22 maggio 2017

Un intero dizionario da riscrivere: ciò che usi per…



C’è come una in-certa “tristezza”, nel momento in cui t’imbatti nel pensiero “massimo” altrui, celebrato storicamente “qua, così”
quando, insomma, non ti limiti a non essere d’accordo... ma, di più, riesci ad abbracciarne il relativo significato a livello di simbolismo sostanziale frattale espanso, riportando la prospettiva alla sfericità, cambiando di “dimensione”… ed ammettendo ogni logica sottintesa all'apparente “diversità”, all'assoluta compresenza immanifesta della ragione fondamentale per la “forma” (che non è Dio, né il suo capovolgimento di valore/senso).
Non si butta via nulla (di quel che succede ed esiste)”.
Non v’è alcun senso di “inutilità”, infatti, quando ce la fai a decodificare tutto “quel che succede ed esiste”.
Una “via” che comporta, necessariamente, la disillusione della dualità, srotolando ogni s-oggetto proprio come se fosse un’unica appartenenza (conseguenza) del “piano inclinato ‘qua così’”.
Gli esempi si sprecano e, anche tu, dovresti ormai esserne più che intris3 di significato, portanza e centralità.
Nel quarto libro, a sostegno dell'affermazione che ‘la sofferenza può sostituire il battesimo’… ho addotto il noto episodio del ladrone. Trattasi però di esempio poco adatto in quanto non si sa se il ladrone non avesse effettivamente ricevuto il battesimo”.
Le Ritrattazioni - Sant'Agostino
Quale “ritrattazione” se (se) sempre nel loop.

martedì 29 novembre 2016

Lo sanno tutt3.



La decodifica dell’informazione “ambientale frattale espansa (tutto quello che 'succede' nella realtà manifesta)”, è un’opera complessa, alias:
strutturata (avente una struttura, una forma di organizzazione, causale).
E, una simile portante, lo è... sia dalla parte ricevente che da quella emittente.
La ricevente è ogni dispositivo Human Bit (l’essere umano).
L’emittente è:
la dominante (grande concentrazione di massa)
il Dominio (posseduto dalla dominante)
il sistema operativo frattale espanso tri-unitariamente (ripartendo l’informazione secondo la compresenza di grandi concentrazioni di massa, a livello giurisdizionale)
la memoria frattale espansa
le sottodominanti
l’essere umano stesso.
Ovvio che la ripartizione percentuale della portanza (emittente), va dal “maggiore dell’ottanta percento” della dominante, sino all'uno per cento dell’essere umano.
Questo sino a quando “qua, così”
Il famoso rapporto 80/20 o “principio di Pareto”, oltre che a provare l’esistenza della caratteristica ambientale frattale espansa, dimostra proprio il “(già) successo” avvento della dominante (che per delegazione frattale espansa, utilizza il sistema operativo frattale espanso, attraverso il Dominio, giurisdizionalmente… ossia, nell’AntiSistema, a livello globale planetario).
Una reale immagine della ripartizione di “priorità (padronanza)” a livello globale, può essere la seguente:
dominante al 99%
essere umano al 1% (ma in perenne stato di totalità potenziale).
Tutto ciò che è “interno” e/o “collabora” univocamente e/o contemporaneamente, con i due estremi della situazione reale manifesta “qua, così”, è ricompreso sia nel 99% che nel 1%, non contribuendo a variare la distribuzione di questa caratteristica funzionale.

lunedì 7 novembre 2016

A ruota libera.



SPS (Io) viaggio “attraverso”
Tutto è informazione. Tutto è cosparso di memoria.
Tutto è… simbolo. 
Il “è già successo” è ovunque “qua, così”. 
Tutto “narra” di te e del punto di passato fondamentale.
Tutto vela, rivela e svela - allo stesso tempo - la ragione fondamentale, immanifesta, dominante.
Così, tutto avviene, per caratteristica frattale espansa.
La memoria, frattale espansa, è un registro del sistema operativo frattale espanso. Una sua funzione, originale, neutra e neutrale. Il “Genio” che – per delegazione frattale espansa – obbedisce (replica) la grande concentrazione di massa, attraverso le qualità attribuite, storicamente, a Dio.
Tutto è, quindi, una… “denuncia e (allo stesso tempo), un annuncio”
Tutto è un codice e una “storia già scritta” e continuamente, in questa maniera, “descritta (ed auto descritta, per mezzo del ‘tuo’ atteggiamento, mentre ‘la storia si ripete’)”.
Tutto può essere dalla prospettiva “lato tuo/umanità, centrale” con la giustizia ad angolo giro (altrimenti, lo è/sarà dalla prospettiva dominante).
E, tutto questo, non serve a molto se (se) tu sei auto mantenut3 distante da te. Se tu hai a cuore (in testa) solo ed esclusivamente la sfera “economico/finanziaria” dell’esistenza sociale, globalmente redistribuita a partire dal “modello occidentale, di ‘stile di vita’”.
Allora, tutto diventa (è) una “leva”, che fa perno attorno alle paure di…


mercoledì 15 luglio 2015

Contraddizioni e loro senso frattale.



Un articolo un po' più lungo. Un articolo sotto (f)orma di "ap(punto)". Una im(porta)nte conferma...
 
Ciò che esiste in natura è ciò che "serve", perchè nella condizione originale rispecchia la natura frattale di ciò che "è":
in tutto ciò, il denaro non è presente.
Quale significato frattale (sostanziale) ne trai?

Che cosa è successo? Cosa ha portato al "reset"? Cosa ha, in seguito, (pre)visto l'esigenza apparente del denaro?

Lo percepisci lo "spazio utile per la (com)presenza del D(omin)io"?

Nebule:
il bambino non ha un modello ereditario da seguire (a differenza degli animali), ma ha delle potenzialità atte a svilupparlo.
Viene formulato, così, il concetto di nebula, energia creativa che guida i bambini ad assorbire l'ambiente...
Le nebule sono una sorta di cellula germinativa specifica per ogni funzione psichica...
Link

Nebule = altro aspetto, parziale, della frattalità espansa (la "formula unificata del tutto").

In SPS vige la consapevolezza della (com)presenza del Dominio.
Qualcosa di totale, (di)spiegato alla luce della frattalità espansa, ossia, di ciò che la scienza deviata, in ogni sua branca, definisce (senza accorgersi in sostanza) di volta in volta… campo morfogenetico, imprinting, dio, ambiente, natura, etc.
Una ispirazione, presa "così come viene", dall’ambiente umano.

Una caratteristica che s’impone in maniera automatica, creduta “scoperta dagli esperti” e – in(vece) – completa(mente) inavvertita, per quanto concerne la propria funzione dominante su ogni umano.
Ora, questa “verità terra (ri)formante l’animo”… è un dato di fatto, che è possibile (ri)trovare e (com)provare, ad esempio, nel lavoro di molte personalità che hanno prov(veduto) ad agganciarla, praticarla e de(scriverla) “in maniera del tutto disinnescata/auto contemplativa”.
Ieri, lo hai potuto constatare nell’attività di Hannah Arendt, alle prese con il “fenomeno banale” Eichmann. Oggi, lo puoi constatare mediante l’attenzione (ri)posta nel lavoro di Maria Montessori.
Fai attenzione alle domande che si pose la famosa educatrice (alle quali SPS risponde perfettamente). Rimani (com)presente attorno al fulcro della sostanza, come accorto/a capacità di "(ri)unione di ogni puntino"…
 

venerdì 22 maggio 2015

Verità ultima: origine e memoria del loop.




Usi la crema solare? Non sei al sicuro...
È emerso che l'80% dei prodotti contengono componenti che potrebbero rivelarsi dannosi, e che offrono una protezione scarsa.
Prodotti di alcune delle più note marche in circolazione, a quanto dimostrato da Ewg, contengono ingredienti nocivi (oxybenzone e retinil palmitato), o valori eccessivamente alti di fattore di protezione solare.
Non si tratta, tuttavia, di una novità...
Link
"Non si tratta, tuttavia, di una novità...". (In)fatti: tratta(si) "solo" del Principio 80/20 o... della conferma dell'esistenza nel reale, della frattalità espansa.
Verità: è il patrimonio di Dio. Verità: è ciò che riflette la realtà del Mondo, senza alterarla. Ma possiede la verità solo colui che possiede la verità ultima. E colui che possiede la verità ultima è Cristo stesso…
Leviathan
La Quantistica, sostanzial(mente), ti dice che:
quando guardi qualcosa, attraverso di te, vai ad alterare quello che osservi/misuri”, ossia, “mentre osservi, metti qualcosa di te in ciò che stai guardando”.
Quindi, tu non sei un “osservatore neutrale” (passivo).
A livello frattale, questa “caratteristica”... significa che “ti poni in interazione con il reale, che hai attorno o nel quale sei”. Che c’è uno (s)cambio di “in(forma)zioni” (e c'è, anche, un "segnale portante").
Ora, tra due "vasi comunicanti" (in un insieme che comunica), verso quale senso (s)corre l’informazione?
Lo capisci anche solo prendendo in causa, il movimento delle acque libere, sulla superficie terrestre:
i fluidi “liberi” prendono la direzione della (di)pendenza del/dal suolo (ma, attenzione, perchè la struttura del reale manifesto è complessa e gerarchica. Ad esempio, tra un gruppo di potere ed uno che consegue, lo scorrimento delle informazioni procede al contrario; dalla "piccola massa di potere" verso "la grande massa dipendente". Presumibilmente, anche a livello energetico è così. Il "ritorno" è sempre presente, per via dell'utile che ricava la piccola massa di potere, dalla grande massa... al lavoro).

Tutto è vero” (Prima legge di SPS).
Quindi, tra due vasi comunicanti (ad esempio, tra te e quello che osservi), la direzione dominante (senso di scorrimento) sarà quella dal maggior “peso”, in termini di “pendenza (valenza energetica, potenziale, intenzione)”… capace di creare nell’altra (p)arte una terminazione (di)pendente.

Oc(corre) porre molta attenzione (presenza) in questo ambito, perché:
  • tu e ciò che osservi, non siete due “grandezze uguali” (è come mischiare pere e caramelle, o pere e negozio di frutta)
  • per cui, la mente non (ri)esce ad afferrare il significato frattale, che s’emana dalla (ri)flessione dell’una parte nell’altra e vice(versa).
Sì. Perché se l’osservatore mette se stesso in quello che osserva, è anche vero il contrario, ossia:
  • l’osservato (ri)sente della (p)arte interessata ad osservare
  • ma, allo stesso tempo, "risponde di (con)seguenza", perchè l'insieme è cosparso di "interesse".
Come lo capisci, che è così?
   

martedì 2 ottobre 2012

Quel nonsense apparente.




Ci troviamo a vivere in una dimensione densa e apparente, caratterizzata da una inversione di tutto quello che potrebbe apparire sensato, ossia viviamo nel pieno ‘non sense’.

Il Ciciarampa.
Era cerfuoso e i viviscidi tuoppi
ghiarivan foracchiando nel pedano:
stavan tutti mifri i vilosnuoppi
mentre squoltian i momi radi invano...

Link

Ma in quanto ‘apparente’, la dimensione riserva la sorpresa della sua decodifica. Analizzando le proprietà di un ‘luogo’, è tra le stesse sue caratteristiche che si cela la chiave interpretativa del luogo stesso

Se, ad esempio, non si capisce il senso di una ‘cosa’, la si può meglio inquadrare alla luce delle proprietà del luogo, che accoglie quella ‘cosa’. La ‘cosa’ è parte del luogo, così come un corpo umano è fatto con quello che è disponibile in Terra, che poi non è altro che quello che esiste nelle Stelle e, in definitiva, nell’Universo. La materia di base è unita insieme a livello intimo

Dunque, per tornare al nostro esempio, abbiamo un luogo caratterizzato da una Natura apparente. E chi lo dice che è apparente? Beh… basta osservare un essere umano a caso, diciamo che ognuno di noi osservi se stesso e si prenda come campione: che cosa si evince? Certamente che la nostra immagine riflessa per gli altri e dagli altri, non è che un’apparenza di quello che sentiamo/sappiamo essere

L'abito fa il Monaco...

Mediamente, non appariamo per quello che siamo autenticamente, dunque, questa dimensione è apparente, visto il gran sfoggio di Ego e di alta presunzione che il genere umano si auto conferisce, inserendo se stesso al centro di ogni dinamica dimensionale. La Natura sembra, da questo punto di vista, essere la terminazione dell’essere umano. Sembra essere lì per uno scopo specifico inerente alla presenza dell’essere umano. No? Non mi sembra di scrivere una eresia. È sempre stato così, da quando l’umanità ha iniziato a sviluppare doti di raziocinio, passando dalla paura esemplare per un fulmine nel cielo, al suo studio e collocazione nel campo dell’intelligenza a compartimenti stagni.

Allora. Questa dimensione è apparente, visto che il comportamento umano è apparente, non essendo sufficiente per inquadrarlo a pieno, viste le gravi differenze che emergono tra l’essere e l’avere, tra l’atteggiarsi ed il dimostrarsi.

Essendo apparente, il tutto… allora il ‘non sense’ di molte situazioni, deve essere inquadrato come un qualcosa di rovesciato nella sua apparizione pubblica, ossia deve essere charito una volta per tutte, che ogni situazione cela un valore nascosto e pressoché ribaltato. Questo valore è in codice e richiede una sua traduzione al fine di essere ben utilizzato, perché questo valore ha un senso ben preciso ed è certamente riferito anche alla presenza umana sulla Terra.

Senza disperdersi nel loop, diciamo che l’umanità e contenuta in/da quello che la doveva contenere, che si sapeva doveva contenerla. Perché? Per imparare a conoscersi

Lo si evince frattalmente dalla proprietà risaputa di un luogo. È come recarsi alle terme perché c’è l’acqua curativa o andare nella savana per vedere un certo tipo di ecosistema. Lo si sa che un certo luogo è caratteristico. Non solo lo si sa, addirittura lo si è scelto, proprio come per andare a fare una vacanza, un viaggio studio, una full immersion per imparare una lingua straniera, etc.

Evidenziamo, dunque, la natura del luogo che ci accoglie, come la tavolozza del pittore, in attesa di essere personalizzata attraverso l’esperienza dell’accolto. Una precisa funzione auto educativa:
  • apparente
  • sensata
  • codificata.
Se visualizziamo certe opere d’arte apparenti, legate alla prospettiva di chi osserva, come ad esempio le opera di Victor Molev (ringrazio Patrizia per la segnalazione), possiamo tranquillamente emanare stupore per la innata capacità di un uomo di decodificare, con tanta grazia e ‘semplicità’, quel lavoro profondo che ognuno di noi dovrebbe fare per comprendere meglio quello che attornia con viva presenza. Vediamo quello che intendo esprimere.


La visione dipende dalla prospettiva, cioè dalla nostra posizione, ossia da noi stessi.

La visione è composta e multidimensionale. Un lavoro di squadra, una sinfonia scambiata per soliloquio. Tutto concorre alla funzione. Tutto è in essere al fine di… avere uno scopo:

Grazie. Ma, come lei ben sa, le apparenze possono ingannare... il che riporta la nostra conversazione alla ragione per cui siamo qui. 

Noi non siamo qui perché siamo liberi; siamo qui perché non siamo liberi. 

Di sottrarsi a questo dato di fatto, non c'è ragione. Nel negarlo non c'è scopo, perché sappiamo entrambi che, senza scopo, noi non esisteremmo. È lo scopo ad averci creati. È lo scopo che ci connette. È lo scopo che ci tira, che ci guida, che ci spinge. È lo scopo che ci definisce. È lo scopo che ci motiva. Noi siamo qui per colpa sua, signor Anderson. 

Siamo qui per togliere a lei quello che lei ha cercato di togliere a noi: lo scopo.
Agente Smith – Matrix Reloaded

Lo scopo è stato scambiato, nel corso del Tempo, per un atto egoico. Anzi, ha permesso la nascita e lo sviluppo dell’Ego, ossia di quell’aspetto completamente terrestre e nuovo, caratterizzante l’espansione umana nelle 3d. L’Ego ha conferito al genere umano quell’attaccamento necessario per sopravvivere. Ha dato nervo ad un qualcosa che evidentemente non ne aveva

Nulla è per caso.

Riassumendo la nostra tabellina, relativa alla caratteristica dimensionale del luogo che ci ospita, abbiamo rilevato queste caratteristiche:
  • auto educativa
  • apparente
  • sensata
  • codificata
  • avente scopo
  • specifica
  • egoica
  • prospettica.
È già nelle sue caratteristiche la risposta, la sua traduzione in valore aggiunto. È il peso che ognuno di noi le conferisce, scindendola in singoli termini, a confondere o a far comprendere. Se il nostro ‘periscopio’ prende decisioni in funzione di un peso specifico, associato per grande parte, alla traduzione di una singola proprietà dimensionale, allora sarà gioco forza smarrirsi nelle conseguenze di un simile atto del procedere, derivante dall’automatica respirazione inconsapevole.

Se, per noi, questa dimensione è ‘insensata’, ella lo diventerà molto presto, riflettendoci nell’atto stesso della sua polarizzazione ed, al contempo, mantenendo il proprio scopo...

Anche le opere di Octavio Ocampo e di Jim Warren, ad esempio, rientrano nell’inquadratura apparente delle forme terrestri. 

Vedendo il film documentario - L'ignoto spazio profondo – di Werner Herzog, sono rimasto affascinato dalla teoria del ‘trasporto caotico’, che riassume in sé in concetto di labirinto, ossia di caos apparente legato all’ordine superiore ed avente lo scopo di indurre auto conoscenza in colui che l’attraversa. 

Da questa prospettiva, il Sistema Solare, come il tutto, è una sorta di rete autostradale costituita da tunnel, e i Pianeti non sono altro che le parti emerse della rete, proprio come se fossero non solo dei terminali, delle mete, ma delle aree di servizio per osservatori in viaggio nell’Universo.

Come se l’Universo fosse, tra l’altro, frattalmente un cervello umano.

Vediamo tre immagini che veicolano lo spettatore, trainandolo dal modello Copernicano del Sistema Solare, a quello moderno del caos ordinato o labirintico sensato:

 



Il labirinto di Chartres.
Sul pavimento della cattedrale gotica di Chartres, in Francia, è disegnato il labirinto riprodotto in apertura di articolo.

La sua forma è circolare e il diametro misura 12,87 metri. Per andare dall'ingresso indicato con A, al punto di arrivo indicato con B bisogna percorrere 261,5 metri...
Link 
 
Sempre al link precedentemente evidenziato, è possibile leggere delle interessanti deduzioni sul senso di un simile labirinto. Molto interessante è la gif animata che evidenzia l’intero percorso per giungere al punto centrale del labirinto


La cosa che più colpisce, è quanto si vada subito vicini alla meta, girandogli poi attorno per il resto del tempo. Allontanandosi incredibilmente e riavvicinandosi a fasi alternate

È chiaro come tutto ciò sia inerente al percorso esistenziale umano. È matematico che, proseguendo con tenacia, si giunga, infine, sempre alla meta. È una questione di Tempo, rimanendo nella regione del Tempo. Eppure il Tempo rappresenta solo una delle possibili vie; quella più intensa legata alla pazienza, alla tenacia, alla perseveranza, alla fiducia in se stessi, alla consapevolezza di essere qualcosa di più rispetto all’apparente situazione fusa nell’attimo presente, come riflesso di memorie ed aspettative anche sterili.

Per la maggior parte delle persone, il mistero non consiste che nell'inconsueto. Chi potrebbe meravigliarsi di ciò che vede ogni giorno?
 
La stessa arte gotica è un enigma al quale non è mai stata data soddisfacente risposta. Il gotico è sempre sfuggito ai tentativi di fissarne l'origine. Si presenta improvvisamente, senza elementi premonitori, verso il 1130, e nel volgere di pochi anni raggiunge il suo apogeo, completo e totale, senza prove né tradizioni. E lo straordinario è che si trovano, improvvisamente, maestri di bottega, artigiani, costruttori, in numero sufficiente per intraprendere, in meno di cent'anni, la costruzione di più di ottanta immensi monumenti.

Contro il nostro attuale concetto estetico di 'arte', coloro che edificarono Chartres non pensavano certamente ad animare con uno slancio verticale il paesaggio orizzontale della Beauce. Non avrebbero iniziato a costruire una cattedrale se non l'avessero giudicata 'utile'

E non è sicuramente per un motivo casuale, anche se artistico, che la chiesa è situata proprio là dove si trova, se ha un'orientazione inconsueta per le chiese cattoliche: la forma della sua ogiva, la sua larghezza, la sua lunghezza. la sua altezza non sono il risultato delle riflessioni di un esteta.

In altre parole, i rapporti dimensionali della cattedrale non sono stati scelti per 'renderla graziosa', ma perché sono il risultato di una necessità, diremmo oggettiva, alla quale i costruttori non potevano sottrarsi…

Link

Ora, per terminare, facciamo il tentativo di decodificare la situazione insita in questa notizia:

Mercato auto Italia: a settembre vendite calano del 25%, Fiat crolla.
Le immatricolazioni di auto nuove a settembre sono crollate a 109.178, con un calo rispetto al 2011 del 25,74%. Nel periodo gennaio-settembre 2012 in totale sono state immatricolate 1.090.627 autovetture, con una variazione di -20,46% rispetto al periodo gennaio-settembre 2011, durante il quale ne furono immatricolate 1.371.117. La Fiat ha immatricolato 23.993 vetture, con una quota pari al 21,98%, con un calo del 22,92% rispetto al 2011, la quota dodici mesi fa era pari al 21,17%. 

Dall'inizio dell'anno la Fiat registra un calo del 20,21% a quota 228.420 immatricolazioni… 

Si sta generando quell'effetto di demotorizzazione privata, sul quale avevamo lanciato l'allarme alcuni mesi fa. Le famiglie italiane stanno gradualmente radiando la propria auto senza acquistarne una nuova: 

il parco circolante dei privati, infatti, nei primi 6 mesi di questo anno si è ridotto di 60.000 unità’ - Jacques Bousquet, presidente dell'Unrae, l'associazione delle case automobilistiche estere in Italia…
Link

Si lancia un allarme per un sistema morente. È davvero un allarme? O, piuttosto, il tentativo di ripristinare un passato che non c’è ormai più?

Viene in mente quell’orchestrina robotica, che sul Titanic provvedeva a suonare ancora, mentre la nave si inabissava inesorabilmente.

Non c’è nessun allarme. L’allarme è apparente. Lo scopo è insito nell’effetto, ormai. Non distruggere ma trasformare, così come l’umanità sta modellando se stessa secondo altra vettorialità. Senza rivoluzioni né violenza, oltre a quella apparente, il Mondo sta mutando, così come i ghiacci stanno mutando forma, tornando acqua

Le manifestazioni Greche, Spagnole, Portoghesi, quelle della Primavera Araba, etc. non sono altro che la punta di un iceberg, che si è già in gran parte sciolto. La Massa non ha scelto la violenza, questa volta. La trasformazione avviene per scambio naturale di informazioni. Come se effettuassimo un download del nuovo sistema operativo. Quando aggiornate il vostro computer andate forse in piazza a protestare? Quello che serve è un punto di connessione o di scambio d’informazioni.

Per biodiversità esisterà sempre anche la violenza, ma è possibile quasi del tutto escluderla dal nostro raggio traente. La violenza rimarrà sempre presente, tuttavia, come possibilità biodiversa della nostra funzione complessa. Sarà compito nostro non tornare a selezionarla. La sua presenza potenziale dovrà costituire una delle ragioni cardine per mantenere la rotta intrapresa…

La naturale evoluzione del capitalismo è la guerra... e millenni di storia stanno a dimostrarlo, senza ombra di dubbio.
D'altra parte, quando poni alla base del pensiero capitalistico le seguenti folli idee:
  1. massimizzare i profitti monetari delle aziende (c'è in ogni statuto di ogni azienda del mondo)
  2. basare il valore dei beni e servizi sulla loro presunta ‘scarsità.
L'esasperazione spinta di questi due concetti contrapposti può portare soltanto alla guerra, giusto? Se guardiamo alla storia è sempre stato così

fintanto che l'abbondanza relativa di materie prime, energia e lavoro ha permesso di aumentare costantemente i profitti, tutto sommato le cose sono andate avanti (anche se con evidenti storture come l'esplosione del debito pubblico e privato degli ultimi decenni), ma ogni volta che si è raggiunto il limite di saturazione in cui le risorse non sono più così abbondanti, l'energia costa sempre di più i profitti fanno fatica a crescere, ci rimettono per primi gli agricoltori e i lavoratori. Poi quando la contrazione dei profitti arriva alle aziende ed agli stati, la storia ci insegna, che l'unica via d'uscita è sempre stata la guerra.

Siamo in tempi davvero unici, perché abbiamo l'opportunità di scegliere diversamente... Sta a noi scegliere adesso: 

vogliamo fare come sempre abbiamo fatto nella storia umana e far scoppiare l'ennesima guerra mondiale (che potrebbe essere l'ultima...), oppure vogliamo scegliere diversamente?
Link

Questa giusta constatazione deve fare riflettere molto profondamente. Dove stiamo andando? Verso quello che appare o, piuttosto, verso quello che ha senso? L’acqua scorre sempre verso quella conformazione del territorio che più la attrae. Esistono dighe artificiali lungo il suo cammino, tuttavia ogni sbarramento è destinato a trasformarsi in un bacino di spinta ancora maggiore, al fine di permettere di raggiungere la destinazione e, più in generale, di continuare nel viaggio.

Bene (economia).
In economia per bene si intende un oggetto disponibile in quantità limitata, reperibile ed utile cioè idoneo a soddisfare una domanda.

  • un bene è limitato quando è scarso rispetto alla domanda
  • un bene è utile quando è idoneo a soddisfare una domanda (domanda che può non corrispondere ad un bisogno)
  • un bene deve essere reperibile sia per la localizzazione, sia per il prezzo.
I beni possono essere liberi se sono disponibili in natura in quantità illimitata per tutti, come l'aria o il sole. Si dicono economici quei beni ottenibili mediante l'attività umana o disponibili in quantità limitata. 

Per alcuni economisti i beni fruibili in quantità illimitata non sarebbero beni, perché sono fruibili senza alcun sforzo…

Beni di consumo: beni che vengono utilizzati direttamente per soddisfare un bisogno (ad esempio il pane e gli abiti);

Link

Seguiamo la linea torbida dei termini utilizzati:
  • beni di consumo: beni che vengono utilizzati direttamente per soddisfare un bisogno
  • in economia, per bene si intende un oggetto disponibile in quantità limitata, reperibile ed utile cioè idoneo a soddisfare una domanda
  • domanda che può non corrispondere ad un bisogno
  • un bene è limitato quando è scarso rispetto alla domanda.
La moderna economia si regge sul Pil, il quale misura tutto. La Apple crea beni di consumo? Non mi sembra che sforni pane. Eppure il Pil ringrazia l’apporto della Apple.

Il Pil è un indice perverso.

La domanda non corrisponde ad un bisogno, ma ad un apparente bisogno, frutto di una ipnosi collettiva. Controllando la domanda e la produzione di beni attraverso il concetto di scarsità (Legge di Liebig), è possibile controllare la Massa, programmandola a consumare secondo intenzione altrui.

La Fiat & Co. si lamentano della riduzione delle vendite di auto. L’allarme è la ‘demotorizzazione’?

È come osservare dalla riva di un fiume e pretendere che scorra al contrario.

La 'diga artificiale' ha già ceduto da Tempo...

Ed è dipeso da noi.
 01102012 V 23,8 + 275 Santa Teresa di Gesù Bambino (Una vita incomprensibile) +-

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2012
Prospettivavita@gmail.com

mercoledì 12 settembre 2012

Luce e sua decodifica.



 

Spero vi siate accorti che gli articoli di SPS costituiscano un progetto volto ad ispirare, piuttosto che a fornire conclusioni. Gli spunti valgono come oro, quando riescono a generare, dalla curiosità, nuove abilità anche concrete. È come ‘unire i puntini’ e assistere all’emersione di qualcosa di sorprendente ma di potenzialmente già presente

Questo è il suo significato frattale.

Se Maometto non va alla Montagna

Alle volte sento come un processo troppo intenso, alle mie porte, per essere subito compreso. Egli, allora, cerca vie alternative per raggiungermi, perché se si ostinasse a stazionare ‘lì’, ebbene… si disperderebbe nell’energia dell’equilibrio Universale. Ogni ammasso, d’ogni tipo, se non indirizzato verso il proprio impiego viene, nella ragione del Tempo, diluito e dissolto da forze equilibranti (come le forze d’ordine pubblico, quando intervengono per diluire l’effetto disordinato, emanantesi da una Massa disorganizzata/strumentalizzata. In quei casi, solitamente 'non si guarda in faccia a nessuno' e si opera nella direzione unica di smaltire l’ammasso, a prescindere dall'ideologia che lo costituisce/anima). 

I suoi principi diventano ‘polvere e aria’, ossia il contenuto ed il contenitore, uniti nella realtà sottile dall’energia di imprinting della Sorgente.

Stiamo descrivendo un apparato di trasformazione e veicolazione del messaggio/segnale. Tutto ciò porta, alla visione della mente, l’immaginario collettivo del teletrasporto e in generale della fluidità della comunicazione. Da un collo di bottiglia non si passa se non:
  • ordinati
  • temporalmente.
La mente, allo stato attuale, sta trasformando se stessa in un qualcosa di più simile/accogliente, rispetto alla quantità/qualità di energia/segnale, che giunge dalla fascia fotonica attraversata dal Sistema Solare e quant’altro. Se per ora, ella, costituisce ancora un ‘collo di bottiglia’, ciò non rimarrà caratteristico ancora per molto

Basta osservare l’espansione continua della capacità di memoria dei supporti di magnetizzazione/conservazione delle informazioni, che sta/avvenendo, è/avvenuta, nel Mondo 3d dell’informatica. Lo scambio informativo è sempre maggiore e necessita di nuova tecnologia per mantenere/elaborare il senso ordinale delle informazioni ricevute. Lo spazio, il substrato sul quale imprimerle, non costituisce un problema; si potrebbe dire che è infinito. Potremmo immaginare che ogni cosa sia idonea a trasformarsi in una sorta di memoria per le informazioni. L’aria stessa, costituita da atomi, potrebbe essere magnetizzata al fine di accogliere informazioni.
 
Ma, forse, stiamo solo/proprio descrivendo la situazione normale che, già, ci circonda. Per vie naturali sembra che l’informativa dell’energia Luce sia conservata negli strati biodiversi della materia, la quale, essendo composta anche da microparticelle atomiche, funge da substrato perfetto per l’immagazzinamento/polarizzazione di se stessa, come se fosse una sorta di lavagna o di cassaforte (dal momento in cui i ‘dati’ sono criptati e messi al sicuro, visto che per ora l’umanità non riesce a decodificare per intero lo spettro totale dell’immagazzinato). Il rilascio di informazioni deve essere forzatamente direttamente proporzionale al livello di consapevolezza/evoluzione dimostrato vibrazionalmente dal singolo individuo e, per proiezione quantica, della sua media/totalità sociale.

I registri Akasici, da questo punto di vista, ossia se ‘scalati/interpretati’ in questa maniera, diventano più accessibili perlomeno in termini di esistenza/presa in considerazione.

Tutto è contenuto e contenitore, perché tutto partecipa alla catena evolutiva del processo in corso.

Le informazioni non si perdono mai del tutto, proprio come i batteri, che sopravvivono all’indifferenza climatica anche per milioni di anni. L’informazione è uno strato dell’energia. Le informazioni sono gli strati dell’energia. Esse vivono in una stratificazione multiprospettica e multidimensionale dell’organizzazione del ‘raggio di Luce’, dando luogo ad una visione piena, o in sezione, dell’edificio sorretto e che sorregge… Dipende dal dove lo si osserva/decodifica:


Vedo, in questo periodo, molti ‘cerchi nel riso’. Ovviamente, abitando nel triangolo/centro italiano/mondiale di produzione del riso, anche quest’ultimo deve essere veicolo informativo, alla pari del grano. Si dice che queste figure siano effetti derivanti da vortici di vento. Bah…Non credendo al caso, ho notato una certa somiglianza nelle figure che si intravedono da terra. Nel caso di effetti più grandi, ho scorto una similitudine grafica molto simile a quella descritta/disegnata da Pedro Gomez:

 
Una sorta di carattere impresso a terra. Gomez parla di ‘Esseri di Luce’ e della reciproca interazione. Ancora ‘Luce’, dunque. Come non pensare al meraviglioso personaggio osservato in K-Pax? O alle visioni allegoriche presenti anche nei cosiddetti testi sacri?

Le Placche Cutanee.


Rappresentazione schematica del numero infinito delle placche cutanee esistenti sulla superficie corporea dell’uomo, su ognuna delle quali c’è una proiezione psico-somatica speciale e riflessa, e la carica di ognuna delle quali ha una determinata ripercussione somato-psichica, vale a dire produce un peculiare fenomeno nel mondo del corpo e in quello dello spirito.

'…tutti i sistemi cutanei conosciuti, linee, quadrati, placche circolari, campi, non sono altro che luoghi di passaggio, di entrata e di uscita, d’introduzione e di emissione, delle irradiazioni umane, o meglio dire sono le rappresentazioni geometriche secondo le quali avviene la trasmissione dei raggi vitali'.
 
Giuseppe Calligaris

La placca delle visioni ipnagogiche. 
Questa, che è una placca generale propria, ha il diametro di circa 11 mm e trovasi nella piega del gomito sinistro, fra la linea assiale e la laterale interna dell’arto, ma più vicina all’ultima.

La carica di questa placca, prodotta durante il giorno e non soltanto nel preipnico (praedormitium), induce l’esaminato in uno stato di dormiveglia e richiama le cosiddette allucinazioni o visioni ipnagogiche, a tutti note, descritte perla prima volta da Baillarger, da Burdach, ecc., e poi studiate da Maury, Leroy, ecc..

Si consiglia la stimolazione e la ricerca fatta solo da esperti.

Metodi di ricerca

la placca resta sensibilizzata dalla semplice stimolazione della 4° banda interdigitale della mano.

Ripercussioni di repère:
  1. dolore al labbro superiore;
  2. dolore nella gamba sinistra;
  3. pelle d’oca.

Siamo informazione vivente. Tutto inneggia a questa possibilità impressa praticamente in ogni substrato esistenziale. Ciò che non ricordiamo più è che ‘non manca mai veramente nulla’ tra la possibilità di Ascendere e quella di ‘rimanere nelle 3d’; è tutto attorno a noi, così come dentro di noi

La pineale non è semplicemente una ghiandola, ma, come la midollare del surrene, un trasduttore neuroendocrino:  

converte infatti un input nervoso, (un neurotrasmettitore), in un output ormonale che va in circolo.

L'input nervoso è la NA, (Noradrenalina) l'output ormonale è la Melatonina.

La sintesi della Melatonina dalla Serotonina è catalizzata dalla pineale che la sintetizza essa stessa dal Triptofano, aminoacido essenziale. 

La sintesi e la secrezione di Melatonina sono regolate dalla percezione della luce

è interessante osservare che la pineale deriva da un organo fotorecettoriale, funzionalmente 'un terzo occhio', presente in alcune specie di rettili ed anfibi. La pineale dei mammiferi non risponde però direttamente alla luce, ma all'impulso luminoso, raccolto dalla retina. La secrezione della Melatonina è massima di notte e minima di giorno (il picco massimo si situa intorno alle 02,00 di notte)… 

Oltre alla luce, anche i campi elettromagnetici influenzano l'attività della pineale, la quale sembra essere il mediatore principale degli effetti di questi campi sui sistemi biologici. La pineale si presenta quindi come un fondamentale detector di alcune variabili ambientali, in grado di trasferire le informazioni dall'ecosistema esterno a quello interno, permettendo così la sincronizzazione fra ritmi ambientali e ritmi biologici dell'organismo.

Quest'organo ricopre infatti un ruolo centrale nell'organizzazione cronobiologica del nostro organismo consentendo ad esso di adattarsi in modo ottimale alle variazioni temporali ambientali

La Melatonina agendo sul sistema endocrino, sul sistema immunitario e verosimilmente su quello nervoso, informa l'organismo delle variazioni ambientali permettendogli di adeguarsi ad esse.

È evidente il significato adattivo di tutto ciò: 

un organismo è evolutivamente avvantaggiato dal fatto di essere programmato in anticipo per adottare la propria fisiologia e comportamento alle variazioni ritmiche ambientali; infatti, poiché la durata giornaliera della luce solare (fotoperiodo) varia col variare della stagione, la pineale modifica la sua funzione nei diversi periodi dell'anno e permette, ad esempio, all'animale che andrà in letargo di accumulare grassi in anticipo prima che il freddo e la scarsità di cibo si facciano sentire…

Durante il giorno abbiamo dei ritmi brevi, cosiddetti ultradiani, della durata di 90 minuti in cui alternativamente risulta attivato o 1'emisfero destro o quello sinistro; ciò si può facilmente determinare controllando con quale narice si sta respirando

l'emisfero attivo è quello opposto alla narice aperta. 

Durante la dominanza dell'emisfero destro viene stimolata la fantasia e la creatività, come quando si sogna ad occhi aperti, ed è in questa fase che si verificano con più frequenza lapsus, distrazioni e incidenti; viceversa, quando è l'emisfero sinistro ad essere più attivo, siamo più vigili su ciò che ci circonda e sono più pronte le nostre capacità analitiche, matematiche, razionali…

La cronobiologia, inserendo la variabile 'tempo' nell'indagine psicobiologica, ristabilisce il contatto di ogni nostro fenomeno fisico, chimico, biologico o psicologico con i parametri ecosistemici ambientali

la luce, le variazioni dei campi elettromagnetici, le rivoluzioni planetarie e il susseguirsi delle stagioni, rivelando così la presenza di una risonanza cosmica di ogni evento psicologico….
Link

La lucerna del corpo è l`occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!
Matteo, 22,23

Attivando la placca delle visioni ipnagogiche, si ottiene dopo breve tempo il 'primo e secondo repère', cioè il riverbero, la percezione di lieve vibrazione al labbro superiore, disagio e fastidio alla gamba sinistra e dopo poco una sensazione di pelle d’oca su tutto il corpo ed è il 'terzo repère' e così si ha la certezza della ottenuta carica della placca ipnagogica, indispensabile per proseguire la nostra sperimentazione.

Anche se si pratica di giorno e non nel preipnico (praedormitium), prima del sonno profondo, si può richiamare la condizione ottimale alla percezione della 'sincronizzazione o stato quantico'.

Ed ecco che si attiva il 'Terzo Occhio' e si entra in una 'favola vera' ottenendo 'la sincronizzazione' o 'stato quantico'.

Link

Per purificarci occorre riservare quotidianamente un po’ del nostro tempo alla preghiera, ma alla vera preghiera, non ad una richiesta di aiuto, visualizzando le nostre miserie e creandone così di nuove

Bisogna superare il concetto di un Dio Babbo Natale. L’uomo non si rende conto del male che si fa comportandosi come un mendicante.

La migliore preghiera è quella di rendersi ricettivi alla grazia divina e questo avviene quando ci apriamo alla contemplazione permettendo allo Spirito di fluire attraverso di noi e 'accendere la lampada'.

Link

Prendiamoci l’impegno di rivedere il film ‘Contact’ e di osservare molto bene come l’informazione può essere ripiegata su se stessa, stratificata in funzione di veri e propri livelli di accesso/prospettiva, come per dare luogo ad una costruzione, ad un Templio, ad una figura immaginaria che ispira, però, la costruzione della realtà 3d.

In quale pagina della ‘fiaba’ è adesso l’umanità? E, ognuno di noi?

Dipende da noi e anche da noi.

11092012 S 28,4 + 255 S. Giovanni Gabriele Perboyre (Come rinnegare la Biodiversità) ++

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2012
Prospettivavita@gmail.com