martedì 7 novembre 2017

Umanità col/legata. Le fiction denunciano la trama.



Le “fiction” sono i nuovi “libri” di storia da tramandare
Più che i romanzi e i film, sono le Serie Tv a dimostrare ciò che continua a succedere sulla scorta del “è già success3”, come per una sorta di auto adeguamento collettivo inconscio (qualcosa che anche se ti sembra di decidere in prima persona, nella sostanza, tendi solamente a replicare, seguire, copiare, includere, mimare, incorporare, “far tu3”, non avere alternativa sostanziale apparente, etc.), come se fosse proprio la “forma” ambientale/sociale (convenzione, paradigma, regole non scritte, etc.) ad obbligarti
Vero? 
Lo sai molto bene che “è così”.   
E la cosa assolutamente “non paradossale (dato che c’è una ragione: quella fondamentale, dominante ‘qua, così’)” è che è proprio la tanto auto esaltata “legge”, ad impedire che la realtà manifesta possa svolgersi anche in un’altra versione di sé.
La legge, che è fatta ad “immagine e somiglianza” di un certo… interesse (indimostrabile attraverso la legge, ad hoc, causale), è responsabile di bloccare tutt3 sul nascere


Ovviamente, per “tutt3” s’intende... “tutt3 ciò che, per qualsiasi motivo e natura, trova la forma sociale globale completamente ingiusta o giusta in parte, alias, ribaltata rispetto alla sostanza che si percepisce essere la giustizia in quanto a valore universale, che non dipende da alcuna prospettiva, essendo un “angolo giro”, un tutto tondo, etc. 
La legge obbliga a seguire una certa prassi, che è descritta da quel potere sottodominante, sotto (alla) dominante, che è insit3 al vertice decisionale di/in ogni forma di Governo, a qualsiasi livello, situazione, ambito, circostanza, organizzazione, etc. “qua (così)”. 
Il nemico non si dimostrerà… questo ostacola la mia vendetta…”.
True detective
Queste “Serie Tv” hanno raggiunto una tale capacità di riflessione e feedback (della realtà manifesta AntiSistemica), da risultare una “denuncia” dello “stile di vita” governato dalla legge (il paravento, di comodo, per quella minoranza organizzata al comando lottizzato del pianeta Terra. Poteri sottodominanti che non hanno la consapevolezza di, a loro volta, essere dei burattini nelle “mani” di un potere ancora superiore, immanifest3 e dunque indimostrabile poiché inimmaginabile, se non proprio attraverso la fiction che, guarda non caso, dimostra sempre una tale esistenza, non solo perché fa trama complessa e certezza assoluta di impattare positivamente con le tendenze del pubblico, da cui dipende la buona sorte della fiction stessa, in termini di audience, ascolto ed… introiti a qualunque livello)...
Ci sono delle Serie Tv che ti dicono esattamente tutt3. 

Che dimostrano il “giro del fumo”. 
Che ti aiutano a comprendere e ricordare come funziona anche da te, perché tale modello è globale e non c’è alcuna differenza sostanziale anche quando sembrano cambiare gli usi e costumi locali (la “moda” stessa, ti indica questa uniformità sostanziale del ritornello “qua, così”). 
La realtà che ne fuoriesce, ogni volta, conferma sempre la stessa “regola (non scritta)”:
poteri collusi tra le maglie della giustizia, un “vantaggio” assoluto sulla Massa, la protezione (ed il riferimento/interesse superiore) di queste organizzazioni a livello assolutamente inviolabile, l’intreccio ed il coinvolgimento delle “forze dell’ordine”, la corruzione totale come forma di “arrotondamento” dello stipendio, il traffico di droga, alcool, prostituzione, etc. la violenza perpetrata come forma d’abitudine generale e profonda, il commercio di qualsiasi tipo di essere vivente “portatore di interesse (altrui)”, etc. 





Poteri "politici" che mantengono schemi fissi in ogni amministrazione pubblica (che è sempre, in verità, privata).
Il Modello Far West che impera sempre (sempre), essendo alle fondamenta di ogni nucleo iniziale di città. 
Il prolungamento tentacolare di una unica forma di Governo, dominante, “qua (così)”
Le Serie Tv ti raccontano e descrivono tutt3. E, per farlo, devono prima assicurarsi che nessun3 potrà denunciare il loro operato.
In che modo? 
Attraverso la consueta dicitura caratteristica:
questa opera è frutto di fantasia; ogni riferimento a fatti, persone, eventi, etc. è completamente casuale…”. Ok?

La Casa Produttrice lo sa come funziona questa realtà manifesta. Ossia:
che cosa sa, esattamente
È al corrente che la giustizia è di parte e che ci sono delle persone “intoccabili”, che possono immediatamente rovinarla qualora la “trama” andasse a scomodarle in maniera oltremodo mirata. 
È un “castello di carte”, sì… ma (ma) molto, molto, solido (fisico). Uno spazio, svuotato, e riempito diversamente...

È, per dirla alla orientale, una realtà apparente... questa “qua (così)”. Tuttavia, prova a 1) buttarla giù (cambiarla), a 2) dimostrare che è così, a 3) fare qualcosa di assolutamente controcorrente. 

Sai quale “sorte” ti attende dietro all’angolo della prima via sufficientemente oscura? Domanda retorica
Qualcosa che salta alla cronaca come l’ennesimo “scandalo”, il misterioso “incidente”, l’onnipresente “accusa di molestia sessuale”, etc. 
In realtà, la sostanziale trasformazione di/in qualcosa che non può cambiare poiché è impedit3, cioè, non è previsto “qua (così)”. La catena di controllo che, alla “fine”, porta sino a te il tal prodotto… è molto articolata e complessa, tanto da non riuscire a sapere dove esattamente inizia e finisce (probabilmente, un unico luogo comune/privato).
E, di più, i motivi per i quali il tal prodotto giunge sino a te… sono anch’essi, ovviamente, intrecciati. 


Ci sono ragioni persino “etiche (di denuncia velata)” sovrapposte alle solite ragioni d’interesse gerarchico, ma (ma) – significativamente – tutt3 ciò che continua a succedere nell’AntiSistema è “un esperimento continuo, tarato sulla 'tua' reazione”. 
Il “qua (così)” si rafforza sempre più, coerentemente, mentre la Massa (non) risulta sempre più… sotto ad auto incanto. 
Ciò che “funziona meglio (in termini di assuefazione pacifica collettiva)” viene riconfermat3 anche per la stagione successiva (magari trasformando il cast e la produzione, ma non ciò che succede sull’onda del “successo”). 
Molto indicativ3, a tal pro, è la “fine” che fanno molt3 “Star” dello spettacolo, ad un certo punto della loro carriera: 
anche in questo “caso”, c’è una sorta di schema fisso che contempla il “sacrificio” sensato di alcune “Stelle, tra le più luminose”, in grado di comportare l’immobilizzazione del proprio “successo” in una modalità molto curiosa e molto simile al congelare una certa situazione, per l’eternità (piuttosto che farla discendere immancabilmente lungo il declivio del proprio tramonto professionale e d’interesse)”. 
Il che presuppone che 1) a farne le spese siano le “Star” stesse (sacrificio) e 2) a far di conto siano le persone aventi i “diritti (per lo sfruttamento dell’immagine)”… 
Immolare una simile “Stella” quando è al massimo del proprio splendore (successo), significa averla resa eterna nel firmamento universale (passando per la propria morte/eliminazione fisica).
Qualcosa che permette di generare perpetuamente un certo “guadagno”, senza colpo ferire… senza aggiungere nulla… senza la “Stella” tra i piedi (ben fissata al di là della giurisdizione locale e globale).
Il dolore è inesauribile. Sono le persone che si esauriscono…”.
True detective
Se (se) pensi che l’opera cinematografica sia solamente “un lavaggio collettivo della coscienza e della memoria”, ti sbagli, dato che “tutt3 significa”. 
La storia (deviata solo dall’annuncio iniziale, che si tratta di una narrazione di fantasia basata su una vera vicenda realmente accaduta) scorre proprio attraverso questa affluenza della verità, che viene assunta – guarda non caso – invece, proprio a livello di strumento d’intrattenimento massivo, avente il significato di rendere sempre più mansuet3, dalla prospettiva del “fare” qualcosa a livello sostanziale… ed è proprio così, ma (ma) non solo, trattandosi di una storia infinita, meglio, definita.
Esiste, infatti, anche il significato nel significato, la verità nella verità… essendo il “qua (così)” una gerarchica, nonché una sovrapposizione di stati e strati.
Tutto quello che devi fare è seguire le regole…”.
True detective
Esattamente:
le “regole”. 
Alias, la legge non scritta. 
Dato che la legge “descritta” è quella che si preoccupa di “far funzionare le regole non scritte”, per/di contrasto.
Forse (forse) per “te ‘qua così’” tutto questo non significa niente, dato che non ci puoi credere. 
Ma (ma) per coloro che ci sono dentro “mani e piedi”, nel senso che sono completamente coinvolt3 a livello da “film”, parte in causa (vittime predestinate)… forse (forse) la pensano diversamente, seppure il risultato è sempre lo stesso, ossia, “non ci possono fare niente” e devono solo subire la pressione e la forza di un simile intreccio “indimostrabile” di interessi interamente rivolti a sfruttare la situazione globale massiva “qua (così)”. 
Quando il focus (coerenza) avviene da una simile “coordinata”, di conseguenza… o ti adegui oppure…
E… un simile adeguarsi, significa rafforzare lo schema fisso e la capacità di auto riproporsi sempre più potente ed assolut3. 


Dichiarare che non puoi più fare niente è una denuncia assoluta.
Solo che… “a chi la fai”?
“Qua (così)”? 
Il tuo “grido” si disperde nel “nulla”.
Non esiste Superman. Non ci sono esseri che ti ascoltano e corrono in tuo aiuto. Non c’è alcun “Dio”.
È tutt3 simbolico, significativ3 e funzionale a
Alcuni approfittavano dell’apertura e della libertà. Non bastavano le migliori intenzioni”.
True detective
Non bastavano le migliori intenzioni…”: 
ricordi
Ci sei passat3 anche tu, perché il “qua” è sempre (sempre) “così”, anche se una fiction è ambienta dall’altra parte del mondo.
Io e la mia famiglia siamo… una fottuta dinastia politica, come i Kennedy…”.
True detective
C’è una sola “dinastia ‘qua così’” e si tratta di quella dominante, che se vuoi mettere a fuoco (manifestare) devi ritrovarla nella sua sede fissa del/nel Dominio (esseri umani come te), essendo la dominante, di più, un principio (virale)... come nel reame “naturale” è ben fissat3 il concetto di ruggine, muffa, calcare, corrosione, parassitismo, corruzione, etc.
Dopotutto, non combatti ciò che non puoi cambiare”.
True detective


Quanto “ti basta” per sopravvivere più che degnamente “qua (così)”? 
Hai, di fatto, un “prezzo”
ne sei cosciente? 
C’è come un “supermercato”, nel quale sono esposte le immagini di ogni essere umano; e ogni icona ha un prezzo, ossia, ogni essere umano ha un livello di coinvolgimento AntiSistemico. 
E, bada bene, che sei pagat3 con del denaro… che è una invenzione/convenzione. 
Ossia, è materia fisica lavorata, dal costo enormemente inferiore alla valenza massiva auto riferita, poi, nel luogo comune “valore”
Quindi, sei schiavizzat3 attraverso della materia “a basso costo”, che serve per farti credere che/di… a cui conferisci un valore (rappresentativo) che, invece, non coincide con il concetto stesso di “rarità pregiata”.
Di denaro ce n’è a bizzeffe ma (ma) ben distante da “te”.
Per questo esiste anche “inflazione”. 
L’inflazione colpisce tutt3 ciò che è un bene comune, in termini di riferimento “forzato” massivo e di aspettativa portante e centrale.
L’oro (come "bene rifugio"), ad esempio, non conosce alcuna “inflazione” (e non serve che alcun “espert3” intervenga a dimostrare il contrario, ricorrendo alla dottrina economica, finanziaria, speculativa, etc.)…
Ma (ma) anche l’oro, sostanzialmente, non si discosta dallo stesso ambito, essendo un minerale ed essendo riproducibile potenzialmente attraverso il processo chimico/atomico/alchemico/naturale/tecnologico... di trasformazione
Il che dimostra lo schema fisso “valore (apparente) decretato dalla popolarità (necessità) auto imposta”. 
Può, un quadro di Van Gogh, valere milioni di euro? 
Sì, se (se) il prezzo viene battuto all’asta e qualcun3 se lo aggiudica. 
Per coloro che “possono”, non c’è alcun prezzo che tenga
Lo dimostra anche il supermercato calcistico. No
Con il prezzo pagato per un top player, ad esempio, si può aprire una azienda e “dare lavoro a molte persone”… per dirla AntiSistemicamente

Eppure, qualcun3 paga per un singolo essere umano, che può anche morire il giorno dopo.
Per questo motivo ci sono le “assicurazioni”:
per rassicurare la parte investitrice dal rischio di estinzione anticipata del proprio interesse.
Qualcosa/qualcun3 che, di conseguenza, permette che l’investimento possa succedere, nonostante la percentuale di rischio interconnesso e “naturale ‘qua così’”.
Le assicurazioni usano sempre e ancora il denaro
Una forma di potere condensato in un flusso che è già divenuto digitale, ossia, virtuale.
Riconosciuto dalle macchine nell’organizzazione bancaria globale, che ricorda “a chi, spetta cosa ‘qua così’”
I rapporti bancari non sono quelli che pensi, quando immagini la numerosità bancaria, la marca, la sigla, l’appartenenza a Gruppi diversi, etc. 
I conti correnti sono statici, come in un unico foglio “ora” elettronico, che viene organizzato e contabilizzato centralmente
Gli spostamenti di denaro sono segnati (marcati) su questa sorta di mappa (con costi irrisori, rispetto alla leva che permette questo tipo di ordine) generale e complessiva di riferimento globale. 
Il che permette di fare un bonifico digitale e di spostare a livello informatico la stessa quantità (una cifra nella programmazione e nel modello algebrico di ancoraggio) diinformazione (Bit).


Ormai, non c’è più la Borsa Valori, fisica. 
Tali edifici sono come dei musei, dei riferimenti storico/“culturali”. 
I riferimenti esterni, che testimoniano il passaggio del “fronte”… 
La virtualizzazione del denaro permette un maggiore controllo. 
L’informatizzazione della società permette un maggiore controllo. 
L’automazione dei processi permette un maggiore controllo. 
Questo tutt3, permette il controllo assolut3, in nome di una evoluzione sociale umana… che è solo sullo sfondo e “serve”.
La potenza è nulla, senza il controllo…”. Ricordi
Il controllo è un collo di bottiglia ed una forma ad imbuto:
è come un Buco Nero e contemporaneamente un Buco Bianco.
È un loop perfetto, nel quale effettuare modifiche, trasformazioni di retroingegneria, andando a correggere qualsiasi tipo di “errore (imperfezione)” e, quindi, mentre la forma reale manifesta “qua (così)” tende continuamente ad affinarsi, di converso, l’umanità tende sempre di più ad auto corrodersi, cedendo alla “legge” AntiSistemica, che la tratta come una merce numerosa ed inflazionata (obsolescenza programmata e morte). 

Nel ciclo si ottiene il massimo del controllo a raggiera, per retro reazione
È come “fermarsi lungo il fiume ad attendere il cadavere del nemico…”, sapendo che la corrente spinge solo "lì".
C’è come un punto di passaggio continuo e forzato, che permette di controllare il traffico di processione ed, all’occorrenza, di effettuare le opportune modifiche di rotta, al fine di garantire la continuità del decorso storico deviato “qua (così)”dove la situazione è perfettamente rispecchiata da questa immagine:
apri una radio (rompila se credi) per trovare la musica
ma, una volta ridotta in pezzi, della musica non vi sarà alcuna traccia
poiché trattasi di una ricezione che, non appena viene meno, non lascia nulla dietro/dentro al dispositivo passivo preposto per…
Allo stesso modo, senza corrente elettrica, la gran parte dei “prodotti” umani smettono di funzionare. Ergo
Che cosa sono i ritrovati “antichi” che giacciono bellamente esposti nei musei cittadini?
Non lo puoi sapere, dato che non sai quale forma di “energia” hanno bisogno per “funzionare”...
Fosse anche "solo" la... preghiera.
Se (se) ritrovi un hard disk nella foresta, senza sapere nulla della sua forma di alimentazione, lo scambierai per un bellissimo feticcio traslucido da esporre al tuo petto, a dimostrazione della tua “forza e bellezza”. 
Oppure, lo potrai usare come arma non convenzionale, ad esempio.
Se fosse dotato di una cella solare, allora sarebbe anche “magico” e, dunque, sfruttabile per far credere di “rappresentare (incarnare) la parola di Dio”.
L’evoluzione “qua (così)” è avvenuta per “strappi”, proprio come testimonia la “corsa” di un mezzo spaziale che, ad un certo punto, sgancia tutte quelle parti che sono servite solamente per entrare in orbita (spinta iniziale e consolidamento giurisdizionale). 
Allo stesso modo, quell’hard disk, dopo avere permesso a qualcun3 di “fare la differenza”, potrà essere anche dimenticato… dato che le conseguenze sono ormai diventate consolidate, avendo riprogrammato persino l’attesa della Massa. 
La legge ha preso un simile posto, dopo essere stata raggiunta la possibilità (richiesta socialmente  dalla Massa stessa, che concede, autorizza e non riconosce il potere legislativo del Governo sotto - alla - dominante, scambiato diametralmente per quello che non “è”) di potere essere "qua (così)" auto descritta. 
Questa è la democrazia, la libertà, la giustizia uguale per tutt3, il diritto, l’educazione scolastica, i “valori” moderni, il lavoro, la famiglia, la pensione, la politica, etc.
Usa, ciclista mostra il dito medio a Trump: licenziata.
La settimana scorsa aveva fatto parlare di sé in tutto il mondo per aver fatto il dito medio al convoglio di auto del presidente, Donald Trump, che aveva incontrato mentre stava spostandosi in bicicletta.
Adesso, Juli Briskman, 50 anni, è senza un lavoro, visto che la sua azienda ha deciso di licenziarla.
La donna lavorava nel settore marketing per Akima, una agenzia che fornisce servizi al governo.
Il giorno di Halloween, Briskman, è stata chiamata dai vertici della sua agenzia, licenziata e accompagnata alla porta con un cartone in cui teneva tutte le sue cose.
"Non mi trovavo al lavoro quando ho fatto il gesto - ha detto la donna al Washington Post - ma mi hanno detto che la mia azione violava il codice di condotta...".
Prima di cacciarla il suo capo le ha mostrato un passaggio delle politiche dell'agenzia, in cui si sostiene che anche l'uso dei social media per diffondere contenuti discriminatori, osceni o falsi "non sarà tollerato e sarà sottoposto ad azioni disciplinari che includono anche la fine del rapporto lavorativo..."…
Link 
Non si è dovuto scomodare nemmeno, Trump. 
Ma (ma) la sua intenzione si è comunque manifestata a distanza, dato l’inquadramento nella “legge”.


“Fai… attenzione (è un mondo molto pericoloso. Altro che…)”.
    
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro (SPS) 2017
Bollettino numero 2177

2 commenti:

  1. Ciao Davide,
    a proposito di fiction e di denuncia tra le righe, fino a poco tempo fa su Rai3 è stata trasmessa la mini serie The Night Manager, questa serie parla apertamente di come i servizi segreti americani e inglesi vendano armi nei territori occupati per portare la democrazia(!), con la copertura delle varie sigle "umanitarie". In bella vista e in prima serata....
    Fa specie, a proposito invece del continuo test di reazione al quale siamo sottoposti, vedere che ieri, ad esempio, report ha fatto il 6-7% di share, mentre il grande fratello vip ha fatto il 30% hanno addirittura aggiunto anche qualche puntata dato il gran successo del programma. (Domanda da un milione di dollari del monopoli: come fanno ad avere dati (all'unità) così precisi all'auditel? Cosa c'è - anche - negli apparecchi tv?).
    E, per quanto riguarda le Star, ho incotrato questo link: https://www.foxlife.it/2017/10/17/corey-feldman-denuncia-pedofilia-harvey-weinstein/ ed effettivamente vedere come è ridotto oggi ad esempio il protagonista di "Mamma ho perso l'aereo" e la fine che fanno molti attori e attrici tra alcol, psicofarmaci e droghe, oltre a quello evidenziato da Te poco sopra, ha molto significato. La dice lunga, ecco. Si avverte già da "qua" (data appunto la non-località, ma "solo" distanza frequenziale) quale tipo di densità ci sia da quelle parti. E mi collego a questo altro articolo: http://www.thelivingspirits.net/energia-e-frequenze-di-guarigione/il-dr-rife-guari-il-cancro-con-frequenze-ma-quasi-nessuno-lo-sa-ne-se-ne-parla.html e ovviaMente "nessuno ne parla", anche se c'è/ha un enorme significato.

    Sulla scia di Sps che, tempo fa già aguzzava l'attenzione sul binomio insetti-droni, ecco qua: http://www.terranuova.it/Il-Mensile/Api-robot
    Come se appunto, tutto ciò "non è altro che" una sceneggiata dentro un palcoscenico preposto a Significare, a parlare. Come una umanit3, legandomi alla tua risposta al commento di Claudio di ieri, che ordisce un "luogo virtuale" adatto ad attirare una certa "cosa", per poterla studiare e, di conseguenza, curare.

    Ancora una cosa:
    In alcuni film (Cloud Atlas, Matrix, Krabat e il Mulino dei dodici Corvi) si evidenzia come gli uman3 vengano "liquefatti" o macinati per diventare cibo per i "nuovi" uman3. Ci sono anche dei biscotti che si chiamano "ossa dei morti". Questo aspetto mi preme e credo sottolinei come, nella divisione artificiale, ci mangiamo l'un altro, ci vampirizziamo "energeticamente", spinti da chi ben conosciamo.
    "Siamo come una città assediata da un Predatore molto speciale che fa parte dell’universo: è una forza invisibile che loro (gli stregoni, nda) riescono a vedere fisicamente, mentre divora la nostra energia. Il Predatore ci toglie la consapevolezza di essere tutt’uno col fluire dell’universo: e ci lascia in balia dell’Ego, prigionieri dell’egomania e per questo infelici."

    Carlos Castaneda


    "Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che FARE".

    Giovanni Falcone

    Un abbraccio grande

    Fabio

    ps: il bigliettino è, finalmente, in stampa. Ti aggiorno appena arriva :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fabio, grazie per lo splendido "lavoro" svolto :)

      Sì. Ci dicono tutto, con una "leggera" differita (che fa la differenza). E' un esperimento sociale globale: dirti sempre di più e sempre più in diretta... tanto non puoi fare nulla. Ciò comporta assuefazione del massimo livello: auto disinnesco ed indifferenza sostanziale (puoi andare a manifestare ma a che serve?).

      Ormai, con la tecnologia sanno tutto di te: sono dentro a casa "tua". La privacy è una chimera.

      "Qua (così)" funziona... così. E' AntiSistema ma (ma) nessun3 lo chiama in questo modo. E' il Sistema, invece: l'unica forma di realtà manifesta possibile "qua"...

      "Cenere sei e cenere ritornerai". No? La cenere è molto fertile. E ogni cibo diventa "cacca marrone (il colore medio)". Si ingrassano i campi con lo "scarto" umano. E la "natura" compie il miracolo, utilizzando tutt3 ciò che esiste...

      Hai postato una citazione da Castaneda. Molto indicativo che proprio oggi ho trovato una foto (che userò domani) che cita la seguente parola "Violadores".

      Ho visto terminare la seconda serie True detective, e mi sono segnato questa frase:

      "Meritiamo un mondo migliore...".

      Parole sante. Davvero. Sette miliardi di persone prigioniere sul pianeta.

      Ancora grazie, Fabio. Ti abbraccio.
      Sincerità

      Elimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.